"Ou ne voit bien qu'avec le coeur...
L'essentiel est invisible pour les yeuse"

(Antoine De Saint Exupery)

martedì 15 dicembre 2009

Se il buongiorno si vede dal mattino...


Ci sono certi giorni che proprio andrebbero cancellati dal calendario... di quelli che dal momento in cui metti piede fuori dal letto non te ne va bene una... ieri è stato uno di quei giorni! Sveglia alle 6.30... avrei preferito rimanere ancora un pochino nel calduccio del letto a crogiolarmi, ma la giornata era densa di impegni e così mi sono armata di coraggio e mi sono alzata... primo obiettivo della giornata: la mia solita visita di controllo...
Come tutte le mattine mi sono affacciata dalla finestra del bagno e... Neve neve neve... tutto completamente innevato... la mia macchina sepolta... Ora... a me piace la neve... quando posso non fare nulla e stare a casetta al calduccio... di certo non quando devo raggiungere l'ospedale (ovvero la parte agibile dell'ospedale che già per arrivarci è una caccia al tesoro...) e mi ritrovo con la macchina sepolta, per di più nel cortile di casa... perchè il vero problema non sarebbe stato tanto riesumare la macchina... quanto riuscire a farla arrivare sulla strada... passando per la rampetta semiverticale dove è situato il cancello della palazzina... naturalmente completamente innevata anche quella... C'è anche da dire che io sono una che ama molto camminare... e infatti di solito vado a piedi... ieri mattina però mi sono svegliata con un dolore lancinante al piede destro... facevo addirittura fatica a poggiarlo per terra... e come mai?... penserete voi... boh... fatto sta che quano mi sono svegliata non potevo camminare... poi il dolore come è arrivato, così se n'è andato... giusto il tempo di farmi perdere un po di tempo... Ma torniamo alla mia macchina... ho svegliato la mia coinquilina che doveva accompagnarmi, ma stava ancora sonnecchiando, ignara della catastrofe che si stava abbattendo sulla giornata... ci siamo imbacuccate per bene e siamo uscite... mezz'ora per liberare Gina (che sarebbe la mia macchina) dalla neve.... almeno dai vetri ... dopodichè con moooooolta calma e moooolta pazienza riesco a farla uscire dal parcheggio e a portarla davanti alla fatidica rampetta... Davanti a noi si prospettava una missione impossibile... considerando anche che il cortile è piuttosto piccolino e che avrei dovuto affrontare la rampetta partendo da ferma in uno spazio poco più grande della macchina... comunque... visto che tentar non nuoce ho messo in moto... ho ingranato la prima e via.... tre metri e le ruote hanno cominciato a slittare... A questo punto la mia coinquilina F. ha proposto di spalare la via... quanto bastava per far passare le ruote della macchina... naturalmente noi non abbiamo una pala in casa... così ho cominciato a togliere la neve con i piedi, mentre F. puliva il rimanente con lo spazzolone... siamo arrivate fino al cancello, più o meno a metà della rampetta... e ho fatto un secondo tentativo... fallito anche questo... continuava a nevicare abbondantemente e la macchina continuava a slittare... L'orario della visita intanto si stava avvicinando e a me... donna sull'orlo di una crisi di nervi... è venuta un'idea geniale.... montare le catene... e fin qui non ci sarebbe nulla di strano, se non fosse che io le catene... a parte prenderle con tutta la scatola e tenerle in macchina nel periodo in cui sull'autostrada c'è l'obbligo di catene a bordo... non solo non le avevo mai montate... ma non l'avevo neanche mai viste... giacchè non mi perdo mai d'animo ho preso la scatola e abbiamo cominciato ad armeggiare intorno alle ruote motrici di Gina... dopo un ora di tentativi con le istruzioni in mano... siamo arrivate alla conclusione che non saremmo mai riuscite a montarle senza alzare la ruota.. per cui ho preso il crick.... altra missione impossibile... macchina nuova, crick nuovo... e soprattutto più tecnologico di quello vecchio... per fortuna a parte il panico iniziale ho capito subito come andava posizionato, abbiamo alzato la ruota... et voilà... in pochi minuti la catena era a posto (yeeeeeeaaaaaaahhhhhhhh)... facciamo il giro intorno alla macchina ormai con i piedi semicongelati e tutte umidicce e via anche l'altra ruota.... F. apre di nuovo il cancello... stavolta molto fiduciosa sulla riuscita del tentativo... metto in moto e ... ennesimo tentativo fallito... nonostante le catene non siamo riuscite ad oltrepassare il cancello... a contatto con la grata che sta proprio sotto il cancello le ruote incatente hanno cominciato a slittare producendo un rumore che dire che mi sono spaventata sarebbe dire poco... Intanto la neve continuava a venire giù.. Ormai scoraggiata ho guardato l'ora... 9.40... visita andata... prendo il telefono per chiamare il reparto di endocrinologia e farmi spostare la visita e appena spingo il tasto verde... "Wind, siamo spiacenti, ma il suo credito è terminato..."... ma come?? Impossibile... o forse no... mi hanno scalato i soldini per l'abbonamento internet... e naturalmente me ne ero completamente dimenticata (io e il cellulare abbiamo un rapporto di amore odio...)... Siamo risalite a casa con gli arti ibernati... i pantaloni umidi... le maniche del mio giubotto bianco erano diventate nere strusciando addosso alle ruote... senza cellulare, senza internet... senza possibilità di uscire di casa per ricaricare.. con un dolce lasciato a metà in attesa di comprare gli ingredienti mancanti dopo la visita... e un solo pensiero... Se il buongiorno si vede dal mattino...

5 commenti:

mina ha detto...

povera ciccia!! Se fossi stata in te mi sarei rimessa subito a letto!! Ma aparte gli scherzi, adesso la visita quando la fai?

Princesse ha detto...

7 gennaio... considerando che avrei dovuto farla il 19 maggio... poi è successo quello che è successo e l'ospedale è stato inagibile... appena ha riaperto ho preso appuntamento per metà novembre ma stavo a letto con la gastroenterite... l'ho spostato a l'altro ieri e il resto lo sai...
praticamente sono 7 mesi che continuo a prendere le pasticche senza fare controlli... speriamo bene... :-)

Erica ha detto...

Anche a me capitano queste giornate.. mi capitano spesso diciamo! Poi ti dirò, proseguono anche alla strassa maniera, aggiungendo sfighe su sfighe! In fondo sono queste giornate che ci fanno apprezzare il resto della vita! Spero che tu stia bene piccola! Un bacio!

Favoloso ha detto...

Mamma mia che giornataccia!
Spero che il seguito della giornata sia andato meglio...
Certo però che sei stata davvero sfigata, coraggio

Princesse ha detto...

In realtà tanto bene non è andata... siamo rimaste in casa tutto il giorno isolate dal resto del mondo... io stavo anche senza telefono e di conseguenza senza internet... e non abbiamo potuto finire il dolce...